Latest news

Wednesday, 30 November 2011

CB 750 "Natural"



Questa CB750F Supersport del 1976 ci ha messo due anni per essere restaurata. Era una moto abbandonata. Certi ragazzi di Portland (Oregon) l’hanno recuperata e, una volta in garage, l'hanno spogliata dell’inutile. Il piano era riportare la moto alla sua natura: metallo lucido, pneumatici e cuoio (…ehm… finta pelle). Il lavoro è stato completato da James Crowe della Crowe Customs ed è venuto proprio bene direi. Dei ragazzi di Portland, invece, parlo qua sotto...

MAG @ Eicma



MAG sta per Motorsport Aftermarket Group. E', come la Custom Chrome, un titanico distributore di componenti aftermarket e di capi di abbigliamento specializzati. Tra le numerose case in catalogo per l'Europa, c'è la Roland Sands Design. Lo stand MAG all'Eicma è stata una bella occasione per montare in sella a questa sporster special, molto particolare, ma dall'assetto impossibile a causa delle pedane non arretrate e della sella raso terra (invero ho goduto di un waiver speciale per fare la prova)... C'erano poi altre gustose customs che non ho mancato di fotografare...

Tuesday, 29 November 2011

The making of a masterpiece



Tutte le foto della realizzazione di un capolavoro: la MV Agusta 750 di Shinja Kimura (Chabott engineering) scattate dall'amorevole Menacing Aju e dal mitico Jose Gallina... Rifatevi gli occhi.

R100 Scrambler



Un altra recente realizzazione di Kevils Speed Shop, preparatore specializzato in elaborazioni bespoke di BMW anni '80... Naturalmente, in Inghilterra. Sostiene che le sue moto sono "affordable"... Non avete che da scoprirlo contattandolo via mail.

Monday, 28 November 2011

WM GS750



Suzuki GS 750, motore rigenerato e preparato, scarico Megaton e circa 85 HP. Forcella RWU da 36 mm, cerchi in alluminio da 17”, pneumatici 120/60-17 e 160/60-17. Sella, codone, parafanghi e luce artigianali WM… E il gioco è fatto… Altro ferro spettacolare.

Unfuckwithable

Unfuckwithable è il nome di questa Ford Model A - Via Stance Works

Sunday, 27 November 2011

Speciale V-Max Hypermodified


Tre specialisti del custom sono stati chiamati a personalizzare un mostro da 200 cavalli: Roland Sands, Marcus Walz e Ludovic Lazareth... Le tre special erano tutte all'Eicma e le ho fotografate per voi. Scegliete quella che vi piace... A fine post (20 foto e un video!) vi dirò quella che è piaciuta di più al sottoscritto...


GS 850 cafè



Suzuki GS850 cafè by RCK Store di Pescara

Scram by RCK Store Saronno



Massimiliano, per tutti Max, ha 35 anni ed è, da sempre, appassionato di moto. Da un po’ la passione è diventata un lavoro: l’atelier RCK Store di Saronno con tanto di officina di 300 mq dove c’è il meccanico Alex che prepara alchimie. Questa opera prima è una XT Tenerè trasformata in Scrambler (i dettagli sono nel seguito)… Notevolissima, direi. Tocca tenerli d’occhio!

Griso special


Griso Special by Stein Dinse (Eicma 2011)

Saturday, 26 November 2011

Totti Motoclub



Ecco la seconda realizzazione di Roberto Totti appena esposta all'Eicma: una Ducati Monster carburatori battezzata Recycle: ruote a raggi, scarico 2 in 1, serbatoio Imola (si monta anche con l'air box originale) e sella monoposto. Per i pigri che non vogliono impazzire nel fai da te, una trasformazione Motoclub d'autore di grande resa estetica e molto Cafè. APPROVATA!

Friday, 25 November 2011

Daylight sabbah

Oggi che mi metto?



Se avete questo problema, potreste trovare ispirazione nella campagna promozionale dell'autunno 2011 della linea jeans di DKNY. Anne Vyalitsyna, Izabel Goulart e Aline Weber (per sapere chi sono guardate qua)con un fortunato - ma, temo, fasullo - motociclista (Jon Kortajarena Redruello) ne sono protagonisti assieme ad una bella Triumph d'epoca. Le foto sono di Inez van Lamsweerde e Vinoodh Matadin e c'è anche, immancabile, il video.

Thursday, 24 November 2011

Road turd



Definire "Road turd" (letteralmente, "turd", significa "Pezzo di merda") questa Honda, mi sembra ingeneroso. Ma questo è il simpatico nomignolo che i ragazzi di Blood Falcons hanno affibbiato alla CX di Ben... Spero per lui che l'appellativo non dipenda dall'affidabilità del mezzo. A me questo ferro piace.

MH900E



La Ducati Mike Hailwood 900 cc Evoluzione (MH900E), presentata come show bike al salone di Monaco del 1998, è stata la prima moto “di serie” ad essere acquistabile, in serie limitata di 2000 esemplari, esclusivamente su Internet, partecipando all’indimenticato click day che partiva dalla mezzanotte esatta del 31 dicembre 1999. Derivata dalla 900 SS e completamente assemblata a mano con un volume massimo di produzione di 500 esemplari all’anno, è effettivamente uscita di produzione solo nel 2005. In giro se ne sono viste davvero poche e pare che qualche esemplare abbia raggiunto la quotazione record di un milione di dollari. In realtà, sembra sia reperibile nell’intorno dei 35.000 euro… Ma vai a trovarla. Quest’esemplare è a New York e può essere noleggiato presso Atelier Velocette.

Introducing Shohei Otomo



Per i suoi amici è Hakuchi, 白痴 (in kanji, letteralmente: “Idiota”), come si legge sul suo sito. E’ un artista che ho scoperto da poco (cfr. qui), proprio tramite il network dell’Inazuma Cafè. Trovo le sue opere realmente straordinarie: davvero... custom culture? Come già per Billy Argel, questo genere di espressioni artistiche mi affascina. Shoehi (il cui nome, evidentemente, non ha nulla a che vedere con il noto brand di caschi) è il figlio di un celebre disegnatore manga: Katsuhiro Otomo. Trovare le sue opere sul web è abbastanza facile. Se poi piacciono o meno, specialmente per la crudezza dei soggetti, è una questione di gusti personali. In ogni caso è difficile dimenticarle. Ancora più difficile è sapere di più di lui (questo post, in effetti, mi ha portato via un po’ di tempo). Provo allora a raccontarlo al cafè approfittando di una intervista di apparsa su Computer Arts il 9 febbraio 2011, firmata da Tom Tennis e da me tradotta in italiano dall’inglese.

Wednesday, 23 November 2011

Polverosa R90


Questa mattina, in un garage romano, questa polverosa Signora snob ha catturato la mia attenzione... Quattro rapidi click di BlackBerry hanno fatto il resto...

Tuesday, 22 November 2011

BMW R65 Scrambler


Una BMW R65 del 1985 che l'intraprendente Michele, di Forlì, ha modificato con amore e grande rispetto del marchio: l'avantreno è rimasto originale (anche se sembra ribassato), gli scarichi sono silenziati (ma non si vede), il ponte di comando ed il manubrio sostituiti... E soprattutto, il boxer ha ricevuto i gruppi termici di un R80... Io -detto tra noi- avrei anche cambiato il serbatoio a scatola di scarpe... Ma solo perché sono un iconoclasta della casa dell'elica!

Nera imperfetta



A Bologna da Hook Motors ho incontrato anche Cesare, entusiasta e simpaticissimo, con la sua CB750 K7 del 1977 scura e opaca, raggrinzita, arrabbiata, verniciata a mano. Recuperata là dove giaceva abbandonata, spogliata di inutili orpelli (tra cui l'avviamento elettrico), dotata di collettori di scarico dalle curve sinuose e fasciate, silenziata (si fa per dire) con un filtro olio, usato e adattato (sic!)... Ancora un po' appesantita dalla ingombrante sella originale (ma il sedere di un rider meriterebbe più spesso tali riguardi) e dotata di una perlomeno improbabile mascherina e proiettore di origine crossistica. Ecco, lo devo dire, e l'ho detto anche a Cesare... Quest'ultimo particolare, al contrario di tutto il resto, proprio non mi è piaciuto.

Ducati 350 CR 1974



All’Inazuma Cafè oggi è passato Brusko, da Modena, con la sua Ducati 350 Cafè Racer del 1974 nata Scrambler. Visita graditissima! Volete saperne di più?

Monday, 21 November 2011

Get this party started


"Get this party started, on a saturday night, everybody's waiting for me to arrive. Sending out the message to all of my friends, we'll be looking flashy in my Mercedes Benz. I got lots of style with my gold diamond rings... I can go for miles if you know what I mean! ...I'm coming up so you better get this party started!"  (PINK).

...And the winner is



Non è una cafè racer… Ma ha un fascino impressionante questa Ironhead da un litro del 1971. Che non sia una custom qualsiasi, si capisce al primo sguardo. Per la linea leggera e elegante, la ricchezza e la cura dei dettagli, la qualità delle finiture. Noi, al One of a Kind, ce ne siamo accorti subito. Ma, parlandone con il suo realizzatore, Danilo, artigiano di Bologna, ce ne siamo convinti. E la moto è arrivata prima al contest...

Headbanger party



A mio personalissimo parere, e senza alcun dubbio, all'Eicma di quest'anno, lo stand più bello, ricco e evocativo è stato quello di Headbanger. Una realtà italiana in crescita, con obiettivi e immagine ben delineati, una filosofia costruttiva condivisibile da noi biker e, a quanto appare, una guida imprenditoriale dalle idee chiare e con risorse finanziarie adeguate.



Devo proprio muovere delle critiche? Allora leggete il seguito (e rifatevi gli occhi con le foto dello stand)...

Fat boy, Cool Girl


Questa Fat Boy è ispirata a Little Boy e Fat Man, i nomignoli tristemente noti che furono attribuiti ai progetti delle prime due atomiche che devastarono Hiroshima e Nagasaki alla fine della seconda grande guerra. La loro "fusione" (scusate il gioco di parole) riconduce al modello della moto! Preparata da HD Bologna e guidata con disinvoltura da Alessia, piccola e simpatica wild girl, questa opulenta e curatissima custom ha coraggiosamente sfidato le cattivissime cafè racer del contest "One of a Kind" di sabato 12 novembre 2011... Giochi senza frontiere!

Sunday, 20 November 2011

Memphis Belle



Questa Yamaha XTZ 660 Tenèrè del 1991 era stata abbandonata, ancora marciante, in un garage di certi amici di Lorenzo… Lui si è offerto di recuperarla ed è riuscito a farsela regalare… Al One of a kind mi ha raccontato la storia di questa moto (...e poi me l’ha rimandata via mail… perché ho la memoria corta e quel giorno ho sentito quindici storie in due ore…). Un vero progetto low cost e totalmente fatto in casa: nessun lavoro da vetrina ma tanti materiali di recupero, regalati da amici, o scovati a pochi euro nei mercatini... Siete curiosi?

Inazuma in action!



Il video di Inazuma in azione tra le colline Toscane del Casentino e zone limitrofe, con gli amici "modernisti" del gruppo RMC. Curiosi?

L'Aquila dell'Aquila



La SP1000 di Andrea a One of a Kind. Una moto d'epoca restaurata in gran parte in casa, e nel rigoroso rispetto della tradizione. E che non mi si venga a dire che non capisco un accidente di Moto Guzzi.. Perché è vero! Ma, accidenti, sono ferri che mi piacciono!