Latest news

Sunday, 27 February 2011

It's better in the wind... Again




Saturday, 26 February 2011

Readers' rides: Caffècorretto



Dopo due anni di lavoro, Vittorio ha sostanzialmente terminato la trasformazione della sua Inazuma. Un'opera accurata e originale che vi presento non ancora completa di alcuni dettagli come i fianchetti e le grafiche... Ma, si sa, su una cafe racer non si smette mai di metterci le mani.

Friday, 25 February 2011

Inazuma again... Ed è subito cafè


Ed ecco il lavoro in corso di un inzumista d'oltralpe sulla sua gsx 1200.
E' un attimo: manubrio basso, piastra lucidata, freccie sul radiatore dell'olio...
E il frontale è già 100 punti più bello.
E... se poi finisse così?


One more...


Già vista su vari blog... Ma, secondo me, non abbastanza. Il suo nome è Sara T. di Washington e la sua moto si chiama "Stella": una Honda CB 500F del 1972. Monta il serbatoio "Armadillo" e la sella fatti a mano da BCR Parts (Benjies Cafe Racer)

Thursday, 24 February 2011

Le avventure di "Ed il Polso"

...Il mitico Joe Bar Team
Per quei pochi che non lo sanno, Joe Bar Team è una serie umoristica a fumetti basata sulle spericolate ed imbarazzanti vicende vissute dai protagonisti, bikers incalliti e impenitenti, che frequentano il Bar di Joe. Il primo volume, forse il più divertente, è stato pubblicato in Francia nel 1989, disegnato da Bar2, e ha avuto un seguito di altri 5 volumi, poi disegnati da Fane. Le avventure dei protagonisti sono ambientate nella Parigi degli anni '70 e le moto sono quelle dell'epoca. Nei nuovi volumi i vecchi protagonisti perdono il loro ruolo principale per fare da spalla a nuovi motociclisti. Ma non è la stessa cosa. I personaggi originari, quelli che sono passati alla storia, come le loro moto, sono:
Edouard Bracame, detto Ed il polso: gira su un Honda CB 750 Four. Più millantatore che autentico pilota, istiga gli amici a gareggiare. E’ il maniaco della frenata tardiva. Frase storica: «Piscio sui pomponi e sui cilindri dispari!».
Guido Brasletti, detto Pepé: ha una Ducati 900 SS. Italiano, flemmatico e un po' indolente. E’ fissato con le donne e la “linea perfetta” in curva.
Jean-Raoul Ducable, detto Jeannot la rotella: guida una Kawasaki 750 Mach 2. Fissato per la velocità. Il suo unico scopo: essere il più veloce.
Jean Manchzeck, detto Joe ragazzata: ha una Norton Commando 850, leggenda su due ruote. E’ il più schizzato e non si tira mai indietro da una sfida.

Naked concept


vintage Suzuki ad'


Tuesday, 22 February 2011

Mac: Due ruote e un cilindro col botto

 
Spud

L’inglese Ellis Pitt  ha creato un paio di anni fa la Mac Motorcycles con Mark Wells e Ian Wride della Xenophya Design. Il suo obiettivo dichiarato è quello di realizzare motociclette semplici e essenziali, con linee chopper/bobber da telaio rigido ma sospeso, un motore bello da vedere, assetto flat-tracker, handling Ducati, rapporto peso potenza ai minimi storici e telai ultraleggeri. Il tutto per glorificare lo spirito guida del vero biker: conta il viaggio più che la meta. Come non essere d’accordo con tanta nobiltà di intenti?

Pea shooter
   
Roarer 

Per motore, ci hanno messo un bel monocilindrico Buell “Blast” di 492 cc, 5 marce, aste e bilanceri. In Italia pressoché sconosciuto in quanto tale (… Ehm. Lo credo! L’Ing. Laverda e il Conte Agusta si rivolterebbero nella Tomba!), ma ben noto nella sua forma doppia, cioè quella del V 45° Harley 883, portato a 984 cc. da Erik Buell Il Buell Blast (lett. esplosione) pare sia anche soprannominato "thumper" (cioè: generatore di botti) e, afferma candidamente Ellis, le ragioni ci sono tutte: con uno scoppio ogni 720° di rotazione dell’albero, ogni scintilla della candela rappresenta “un evento”.



Il Blast, con il suo bravo filtro KN aperto, dovrebbe erogare 34 cv a 6500 giri, ma Ellis intende proporre anche un kit big-bore da 515 cc, camme Andrews, Mikuni 42, accensione Screaming Eagle e scarico Supertrapp per sfoderare 50 cv a 7200 giri. Ci racconta che un Blast con un kit NRHS ha segnato il record di velocità a Bonneville nella classe 650.

 
Ruby 


Quanto ai nomi dei modelli… ehm… Spud, in slang, significa patata… E il nome è già evocativo. Pea shooter, invece, sta per Sparapiselli. Roarer…Beh, certo: Ruggente! Ruby, dunque, se tanto mi da tanto... Vuol proprio dire che il motore fa... Bunga Bunga! 

I bei progetti di Ellis & Co, però, sono sul web da ormai più di 18 mesi… Nel frattempo, la Buell non esiste più (anche se i motori sono forse ancora in commercio), di prezzi e date non se ne parla proprio e di Mac bikes, in giro, ancora non se vedono… Come finirà? Beh, intanto godiamoci le immagini, perché questi oggettini hanno davvero tanto fascino. 


Monday, 21 February 2011

Softail... Hardcore



Softail Cafe Racer - Texas - April 2011

The cult of the cafe racers


Sunday, 20 February 2011

Votate votate votate...


Vi dirò... La moto non mi ha convinto... Ma la spinta motivazionale va riconosciuta.

Girls, girls, girls!

Thursday, 17 February 2011

Yamaha ManXJR






Ho appena scoperto il blog di Leo, 100 cavalli, e mi sono linkato immantinente. La sua opera è raccontata là, su questa Yamaha XJR 1200 che, già bella di suo, sono in pochi ad avere il coraggio di modificare. Frullino, olio di gomito, fantasia e tanta passione, uniti a un buon gusto non comune, tutto fatto in casa per realizzare questa cafè racer che dire che mi piace è davvero poco. E, a quanto pare, migliorerà ancora una volta terminata... Complimenti. Ti aspettiamo on the road!

Ancora Zephir by Wrenchmonkees




Un altra (costosa e) gustosa realizzazione su base Kawa Zephir, questa volta dai famosissimi danesi di Wrenchmonkees... Ma devo ammettere che la strumentazione Motogadget è veramente bella.

Wednesday, 16 February 2011

Mannequins

Katia on a 1960s Tri BSA Cafe Racer, London.
Photographed by Frank Kletschkus
Archivio Davida
Suzanna, Amsterdam, 2005
Photografed by Ben Part
Archivio Davida
Ashley Smith, 2010
Photografed by Terry Richardson
Sisley: fall 2010 campaign
 
Sempre belle... Son modelle...

Tuesday, 15 February 2011

La foto che non c'è


E' un rozzo fotomontaggio... E si vede subito... Ma mi piaceva l'idea...

Sunday, 13 February 2011

It's better in the wind


A project by Scott G. Toepfer


Autoironia


...Beccato su Church of choppers... 

Alette con filtro


Perchè Inazuma è... Inazuma

If you can read this...



In a way or in another... You must be lucky!
Mi assale un dubbio:
che la tipa si sia fatta tatuare l'ideogramma di Inazuma sotto gli slip???

Saturday, 12 February 2011

Motodays!

Motodays promoter - EICMA 2010
Milano,  2010 Photo by Inazuma Luke

Due piccioni con una fava. La foto di una bike girl di una bellezza non comune (mi riallaccio al post precedente), e una nuova occasione di incontro... Ahimè, a Verona non ce l'ho fatta. Ma a Roma... Diamine! 

L'Olandese volante

Katrien, Davida Jet Helmet, Aviator T1Goggles, Zagato Motoguzzi,
Amsterdam Photo:2004 Ben Part B.

Wednesday, 9 February 2011

Il lupo di Norimberga








Direi di aver già trascurato troppo il tema Inazuma. Ebbene ecco una elaborazione in pieno stile teutonico, una streetfighter made in Deutschland ma con retrogusto inglese, e al sapore di cafè. Maggiori informazioni, nemmeno tante, su http://www.custom-wolf.de dove si possono ammirare altre streetfighter mtorizzate col beneamato Suzuki SACS.